Proposta del Garante di modifica dell’apparato sanzionatorio

modifica sanzioni privacyDi recente si è appresa la notizia di una proposta inviata dal Garante al Governo di intervento sull’apparato sanzionatorio previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali, risalente al settembre scorso.

Non è la prima volta che ciò avviene ma, a differenza del passato, in questo caso è il Garante stesso che ne rende pubblici termini e contenuti.

Il Garante propone «possibili misure di semplificazione della normativa in materia di protezione dei dati personali, volte a snellire gli adempimenti cui sono tenuti, oggi, i titolari del trattamento e a razionalizzare il relativo quadro sanzionatorio» soprattutto a beneficio di «piccole e medie imprese o comunque [d]i soggetti, anche pubblici, di modeste dimensioni, senza tuttavia abbassare lo standard delle garanzie per i cittadini e nel rispetto dei vincoli dell’Unione europea», individuando tre linee d’intervento:

a) rimodulazione del quadro sanzionatorio e «aumento dell’equità nell’applicazione delle sanzioni, mediante, fra l’altro, la ridefinizione dei confini tra le fattispecie penali e amministrative», «la limitazione della responsabilità penale per la mancata adozione delle misure minime di sicurezza ai soli casi in cui ne sia derivata una conseguenza negativa nella sfera giuridica degli interessati» e la previsione di sanzioni più gravi nei casi di violazioni reiterate;

b) «riduzione dei costi diretti e indiretti (di consulenza e assistenza legale) per i soggetti destinatari di sanzioni» mediante l’introduzione di una modalità agevolata di definizione delle violazioni in caso di prima violazione e «diminuendo i casi in cui non è ammessa l’estinzione mediante oblazione»;

c) aggiornamento delle misure minime di sicurezza prevedendo «anche con disposizioni differenziate in ragione dei rischi effettivi per i diritti degli interessati e minimizzando l’impatto economico delle stesse, in particolare presso le piccole e medie imprese, liberi professionisti e artigiani».

Si parla di semplificazione e snellimento degli adempimenti, di riduzione dei costi e di aggiornamento delle misure minime di sicurezza e ciò potrebbe indurre a pensare ad una sorta di smobilitazione da parte del Garante o di depotenziamento dei suoi strumenti; inoltre questi interventi potrebbero sembrare intempestivi in ragione della presumibile imminente approvazione del nuovo regolamento UE in sostituzione della direttiva 95/46/CE.

Continua a leggere